Nazione Empoli di martedì 13 novembre 2012, pagina 5

Domani lo sciopero generale europeo Pullman da tutta la zona a Firenze



SINDACATO LA MANIFESTAZIONE PARTIRÀ' DA PIAZZA INDIPENDENZA Domani lo sciopero generale europeo Pullman da tutta la zona a Firenze LA GIORNATA L'astensione dal lavoro è stata indetta dalla Confederazione europea dei sindacati LO SCIOPERO generale per l'intera giornata di domani sarà diverso dal solito non tanto per i temi su cui il sindacato chiama i lavoratori a lottare, quanto per l'ampiezza della protesta, visto che l'astensione dal lavoro è indetta anche dalla Confederazione europea dei sindacati. l'organizzazione a livello continentale dedlle forze che tutelano i lavoratori. Al centro della giornata di mobilitazione c'è la richiesta di più diritti, più lavoro, più solidarietà e meno tagli alle spese sociali. L'intento è quello di riuscire ad avere risposte di segno diverso, in pratica meno austerità, alla crisi che ancora travaglia l'Europa senza fare sconti a nessuno, considerato che anche per la Germania si annuncia un periodo non brillante perché le esportazioni dell'industria tedesca cominciano a battere in testa'.

TRA LE NOVITA' l'adesione allo sciopero, non solo politica' ma concreta, dell'Arci dell'Empolese Valdelsa, che proprio contro le politiche di austerità europee ha deciso di tenere chiusi i propri uffici, dando anche la possibilità ai circoli associati di tenere le porte chiuse durante l'orario della manifestazione che si svolgerà a Firenze nella mattinata. Sullo sciopero c'è l'appello della Rsu della Sammontana, che ricorda come l'astensione dal lavoro sia stata proclamata dalla Cgil insieme ad altri 102 sindacati delle varie nazioni dell'Europa. «Invitiamo tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori a salire sui pullman che partiranno alle ore 8-8,15 dal piazzale posteriore dell'azienda e a partecipare alla manifestazione che si terra' a Firenze con concentramento in piazza Indipendenza alle 9,30. La forma di lotta è l'unica efficace risposta collettiva contro le misure di ispirazione europea che stanno procurando crescente recessione e sistematica devastazione dei diritti sociali. Il governo Monti e' figlio di tutte queste politiche che stanno ulteriormente destrutturando il nostro sistema industriale, colpendo l'economia del Paese e rischiando di determinare la chiusura di diversi settori produttivi con relativa ed ulteriore perdita di innumerevoli altri posti di lavoro». L'Asl 11 informa che in occasione dello sciopero, come sempre in base ad accordi sindacali, saranno comunque garantiti i servizi essenziali, «anche se è possibile che possano verificarsi alcuni disservizi nelle varie strutture aziendali. L'Azienda si scusa con i cittadini per gli eventuali disagi che potranno verificarsi». Anche nei comuni saranno garantiti soltanto i servizi essenziali, mentre Publiambiente fa presente che, proprio per effetto dello sciopero, potranno non essere effettuati alcuni servizi, come quelli del ritiro dei rifiuti.

IN LOTTA anche i lavoratori della Falaschi, l'azienda di Pontedera che gestisce il trasporto scolastico nei comuni di Vinci, Capraia e Limite, Cerreto Guidi e Montelupo. Non sono stati pagati gli stipendi, nonostante gli accordi intercorsi in Provincia tra azienda, lavoratori, sindacatie istituzioni. Questa intesa, secondo i consiglieri provinciali di Rifondazione comunista Andrea Calò e Lorenzo Verdi, «viene violata dalla direzione dell'impresa».

MANIFESTAZIONE Tanti i lavoratori dell'Empolese Valdelsa che saranno in piazza a Firenze ***